CONSUMA(NDO) — 23 gennaio 2013
RC AUTO: SI SALVI CHI PUÒ

Per salvaguardare la classe di merito è consigliabile il “riscatto” del sinistro

Di cosa si tratta. Il riscatto consiste nella possibilità, da parte del responsabile di un sinistro di lieve entità, di rimborsare (direttamente!) in prima persona la compagnia assicurativa ed evitare così l’aumento del premio (che deriverebbe dall’attribuzione di una classe di merito superiore). Per avvalersi del “riscatto”, però, è necessario accertarsi che la stessa sia espressamente prevista dal contratto e che, ovviamente, si disponga della formula assicurativa R.C. Auto con meccanismo bonus/malus.

Come procedere. È semplice:

–         Se il sinistro è stato risarcito mediante il c.d. indennizzo diretto, che ricorre allorquando il danneggiato è stato soddisfatto dalla propria compagnia assicurativa, occorre inoltrare apposita istanza alla Stanza di Compensazione della CONSAP (la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) al fine acquisire informazioni sull’importo del danno e farsi assistere dalle strutture dell’impresa di assicurazione (per la relativa modulistica è possibile consultare il sito www.consap.it).

–         Se il sinistro è stato risarcito mediante la procedura ordinaria occorre presentare la richiesta presso la propria compagnia assicurativa.

La convenienza. Varia, e dipende, dall’ammontare del danno cagionato e, ovviamente, dall’eventuale aumento del premio assicurativo che si andrebbe ad evitare.

Related Articles

Share

(0) Commenti

Lascia un commento