NOTIZIE UTILI — 16 luglio 2012
Usare il cellulare in vacanza anche all’estero.

(Help Consumatori)Il cellulare, ormai smartphone, non si abbandona mai; neanche quando si è in vacanza all’estero. Ma quanto si spende, e soprattutto quanto si può risparmiare, per telefonare (e navigare) quando ci si trova in un altro Paese? Dal 1° luglio è scattato il nuovo taglio delle tariffe in roaming, previsto dal regolamento europeo: la spesa per i viaggiatori italiani in Europa è scesa, ma si può spendere ancora meno grazie alle promozioni offerte dai principali operatori di telefonia. SosTariffe.it ha confrontato le tariffe in roaming con le promozioni attivabili dai principali operatori per l’estate 2012.

Sono stati presi in esame 3 differenti profili di consumo, viaggi di diversa durata (una, due settimane e un mese), giorni e intensità di utilizzo del cellulare durante la vacanza e destinazioni diverse: Europa, Usa e “Resto del Mondo”. Il risparmio maggiore, cioè dall89 al 96%, lo si ottiene con i profili di consumo più bassi (3 giorni di uso) e nei paesi del “Resto del Mondo”, quindi esclusi Europa e Stati Uniti. Si può arrivare a risparmiare anche fino a 1884 euro.

Ad esempio, per un viaggio di un mese in Argentina, con un utilizzo medio del cellulare di 7 giorni, il costo medio per chiamate e invio di sms oscilla intorno ai 78 euro, mentre per 150 mb di traffico dati si attesta ad oltre 2000 euro.

Se si viaggia negli Stati Uniti, grazie alle promozioni si può ottenere un risparmio del 77,6% sulla spesa standard, soprattutto se si usa un profilo di consumo “basso”, con poche chiamate e 50 mb di traffico dati consumato in sette giorni.

Chi resta in Europa può risparmiare dall’80% all’89% con una cifra massima di 333 euro, ottenuto utilizzando il cellulare per sette giorni e con il profilo di consumo più alto dei tre presi in esame.

Ad incidere maggiormente sulla spesa per il cellulare all’estero è l’utilizzo del traffico dati, a conferma della paura che affligge il 61% degli italiani. Secondo lo studio di SosTariffe.it, infatti, senza l’attivazione di una promozione, il costo per il traffico internet può incidere fino al 98% circa sul costo totale di utilizzo del cellulare all’estero (internet + voce+ sms). L’incidenza diminuisce al 64% del totale nel caso in cui si aderisca a promozioni per la navigazione in roaming.

“La novità più importante – afferma Giuliano Messina, Amministratore e co – fondatore di SosTariffe.it – è che il nuovo regolamento dell’Unione Europea fissa, per la prima volta, un limite tariffario anche per il trasferimento dati in roaming all’interno dei paesi membri. Diventa comunque rilevante, in Europa come nel resto del mondo, il beneficio di utilizzare promozioni adatte al proprio profilo di consumo, che permettono di ottenere un ulteriore risparmio rispetto alla tariffa base. Sicuramente anche queste offerte diventeranno a poco a poco sempre più convenienti adattandosi ai limiti imposti gradualmente dall’Unione Europea che prevede di azzerare nel 2015 ogni sovrapprezzo rispetto all’utilizzo del cellulare in patria”.

Related Articles

Share

(0) Commenti

Lascia un commento